-Terra Madre Salone del Gusto: sostenibilità in movimento!- Terra Madre Salone del Gusto: sostenibilità in movimento!
 


torna alle news

Terra Madre Salone del Gusto: sostenibilità in movimento!


Torna la rubrica Seminiamo Sostenibilità, nata per raccontarti un passo alla volta il percorso ideato dall’Università di Scienze Gastronomiche di Pollenzo e dedicato alla sostenibilità dell’evento. Scopri con noi il progetto SEeD, seme, appunto, acronimo di Systemic Event Design. Con la puntata di oggi vogliamo parlarti di quanto sia importante per l’ecosistema ridurre le emissioni causate dai trasporti. Per farlo, ti raccontiamo in che modo abbiamo reso sostenibile la mobilità durante Terra Madre Salone del Gusto 2016, sia quella dei visitatori che quella delle merci e dei prodotti enogastronomici protagonisti della manifestazione.

In occasione della Conferenza ONU su ambiente e sviluppo tenutasi a Rio de Janeiro nel 1992 i capi di governo delle 183 nazioni partecipanti si dichiarano consapevoli e preoccupati del notevole aumento delle concentrazioni di gas a effetto serra nell’atmosfera provocate dalle attività umane. Tra gli obiettivi dell’Earth Summit di Rio c’è quello di realizzare un quadro sui sistemi di pubblico trasporto con il fine di ridurre le emissioni dei veicoli, la congestione nelle grandi città e i problemi di salute causati dallo smog. Ciononostante, da quando è stato firmato il 31_08_SEeD 10 tobike4protocollo di Kyoto (1997), l’inquinamento prodotto dai mezzi di trasporto è in assoluto la voce che è aumentata di più in relazione alle emissioni di gas serra.

L’effetto serra naturale, la concentrazione nell’atmosfera terrestre di quei gas che permettono di intrappolare il calore dei raggi solari riflessi dalla superficie del pianeta, è un fenomeno di per sé positivo e fondamentale per la vita sulla Terra in quanto permette di mantenere una temperatura media di circa 15°. Le ricerche del Goddard Institute for Space Studies della NASA rivelano tuttavia che oggi la Terra assorbe più energia dal Sole di quanto riesca a reimmetterne nello spazio. Questo surplus energetico comporta un riscaldamento eccessivo della superficie terrestre e dell’atmosfera che provoca effetti negativi sugli ecosistemi naturali e sull’umanità. L’ozono troposferico, altamente dannoso e presente nella zona dell’atmosfera più vicina al suolo, la troposfera (circa 10-12 chilometri dalla superficie terrestre), è infatti aumentato del 35% rispetto al 1750 a causa di alcuni gas come il monossido di carbonio prodotti in particolare dal traffico autoveicolare (Fonte Worldwatch Institute).

31_08_SEeD 10 tobike3Per sensibilizzarti sul tema ci siamo così impegnati nella progettazione di una mobilità sostenibile di persone e merci durante Terra Madre Salone del Gusto 2016. Il nostro evento quest’anno si svolge nei luoghi più caratteristici di Torino e per questo motivo il modo migliore per spostarti tra stand, conferenze e laboratori sarà a piedi, in bicicletta o con i mezzi pubblici GTT (Gruppo Torinese Trasporti), lasciando così a casa l’automobile. Saranno disponibili inoltre un servizio di navetta tra il Parco del Valentino e Piazza Castello, fornito dall’azienda partner del progetto sistemico Iveco Bus, e il comodo bike sharing di TObike!

Per quanto riguarda invece la logistica degli oltre 800 espositori presenti all’evento e del magazzino di oltre 12 mila mq situato all’interno del Parco del Valentino, ELPE, partner ufficiale dell’evento, si occuperà dello stoccaggio e del ricevimento delle merci oltre che della consegna dei prodotti enogastronomici presso i vari stand all’interno del Parco del Valentino attraverso mezzi elettrici ad impatto zero sull’ambiente.

E’ importante contribuire quotidianamente a non inquinare il pianeta adottando il più possibile una mobilità sostenibile e alternativa all’automobile. Lo sai per esempio che se usi la bicicletta 2 volte al giorno per percorrere una distanza di 2,5 Km risparmi ben 150 euro all’anno di benzina e l’emissione di 160 Kg di CO2?

Anche privilegiare il cibo locale quando fai la spesa permette di ridurre l’inquinamento causato dal trasporto delle merci dai luoghi di produzione a quelli di consumo. I generi alimentari che giungono da altri Paesi o continenti sono infatti più costosi per te e per l’ambiente anche per via del carburante che consumano. Impegniamoci quindi tutti a ridurre i circa 1900 Km che vengono totalizzati in media da un pasto per arrivare su una tavola occidentale (Fonte, Al Gore, Una scomoda verità, Rizzoli, 2008).

 

Franco Fassio
Responsabile Scientifico progetto Systemic Event Design (SEeD)
Università degli Studi di Scienze Gastronomiche

 

SCOPRI COS’È IL PROGETTO SEED E DI QUALI ALTRI SETTORI SI OCCUPA!


Un evento di
 Città di Torino
 Slow Food
 Regione Piemonte
In collaborazione con
Mipaaf
Con il contributo di
 
Official Partner
 
 
 
 
 
 
 
Sostengono Fondazione Terra Madre e Slow Food
 
 
 
Con il sostegno di
 
 
 

Terra Madre Salone del Gusto
Slow Food Promozione P.Iva 02220020040
© Terra Madre Salone del Gusto 2016 - All rights reserved